Sat01202018

Last update04:44:45 PM GMT

Back interventi Savip

interventi Savip

ROMA:SICUREZZA: IL 15 A ROMA FIRMA INTESA 'MILLE OCCHI SU CITTA

SICUREZZA: IL 15 A ROMA FIRMA INTESA 'MILLE OCCHI SU CITTA« (ANSA) - ROMA, 13 SET - Alla presenza del Sottosegretario all'Interno Alfredo Mantovano, verrà siglato giovedì dal prefetto di Roma, dal Sindaco di Roma, da 16 istituti di vigilanza della provincia

RICCIONE:Minaccia di morte guardia giurata e poliziotti denunciato ex buttafuori

Durante le cure al pronto soccorso

Minaccia di morte guardia giurata e poliziotti denunciato ex buttafuori >>>

RICCIONE. Ha dato in escandescenza al pronto soccorso di Riccione minacciando di morte la guardia giurata e i poliziotti intervenuti per calmarlo. «Vi ammazzo, conosco persone importanti come Provenzano», sono le frasi gridate alle forze dell’ordine. L’uomo, un barese di 47 anni residente a Riccione, ex buttafuori di locali notturni, è stato denunciato per lesioni, ingiurie minacce, interruzione di pubblico servizio, oltraggio e resistenza a pubblico ufficiale. L’episodio si è verificato venerdì scorso intorno alle 18. Il 47enne si è presentato all’ospedale Ceccarini sostenendo di essere stato aggredito da due persone e si è fatto medicare. Tutto ad un tratto si è tolto il collare ortopedico che i medici gli avevano messo e l’ha scagliato contro un’infermiera che, impaurita, ha chiamato la guardia giurata in servizio all’ospedale. A quel punto l’uomo ha iniziato a inveire anche contro di lui gridandogli: «Ti prendo la pistola e ti ammazzo». Così è stato allertato il 113 e quando sono arrivati gli agenti sono volate parole grosse anche nei loro confronti. Nel frattempo si sono presentati in ospedale anche i due presunti aggressori dell’energumeno 47enne. Ma hanno fornito una versione ben diversa. I due hanno spiegato di essere stati loro oggetto di aggressione: l’uomo, secondo la loro versione, li avrebbe spintonati e colpiti solo perché camminavano sulla sua traiettoria. E quindi avrebbero reagito di conseguenza.

Fonte Corrire Romagna

Controlli investigativi sul dipendente e prova del comportamento “infedele”

Controlli investigativi sul dipendente e prova del comportamento “infedele” >>>

Quando è utilizzabile la prova acquisita al di fuori dei requisiti dell’art. 4 della Legge 300 del 1970

Con recente sentenza 13789 del 2011, la Cassazione torna a pronunciarsi sulla legittimità dei controlli del datore di lavoro sui comportamenti infedeli del dipendente. Si afferma, in particolare, che l’articolo 2 dello Statuto dei Lavoratori, nel limitare la sfera di intervento delle guardie giurate a finalità di tutela del patrimonio aziendale, non vieta il ricorso da parte del datore di lavoro ad agenzie investigative private “restando giustificato l’intervento in questione non solo per l’avvenuta perpetrazione degli illeciti e l’esigenza di verificarne il contenuto, ma anche in ragione del solo sospetto o della mera ipotesi che degli illeciti siano in esecuzione”.  Unica condizione inderogabile di legittimità dei controlli investigativi è che essi non siano mirati a realizzare un controllo sull’attività lavorativa vera e propria o sui lavoratori genericamente considerati, e che l’attività di indagine abbia ad oggetto specificatamente le prestazioni di quel dipendente sospetto di porre in essere comportamenti penalmente rilevanti.  Si tratta a dire il vero di un principio di diritto ormai consolidato nella giurisprudenza di legittimità (tra le altre, Cass. n. 3590 del 14 febbraio 2011; Cass. n. 20722 del 2010; Cass. n. 18821 del 9 luglio 2008; Cass. n. 9167 del 7 giugno 2003) che consente di delineare uno specifico regime di utilizzabilità della prova contro il dipendente, acquisita al di fuori dei requisiti di cui all’’art. 4 della legge n. 300 del 1970, nel senso che tale utilizzabilità – e quindi il presupposto giudizio affermativo di liceità e di ammissibilità nel giudizio civile e penale – dipende strettamente dal tipo di addebito mosso al dipendente.

Prove lecite utilizzabili

L’addebito al dipendente deve riguardare un illecito penalmente rilevante costituente un vulnus all’integrità del patrimonio aziendale ovvero un comportamento che, pur non ledendo il patrimonio del datore di lavoro, costituisca comunque reato e sia idoneo a ledere il vincolo fiduciario che caratterizza il rapporto di lavoro. Le prove sarebbero sempre utilizzabili, in quanto lecite anche se conseguite in assenza dei requisiti previsti dall’art. 4 della legge n. 300 del 1970.

Prove illecite inutilizzabili

Le prove diventano illecite e processualmente inutilizzabili – con evidenti conseguenze caducatorie della validità ed efficacia della sanzione disciplinare eventualmente irrogata – laddove l’addebito riguarda una semplice violazione di obblighi di diligenza e/o più genericamente contrattuali del dipendente, priva del carattere dell’illiceità o non rilevante sul piano penale.  In tale ipotesi, si rientrerebbe certamente nell’ambito di applicazione dell’art. 4 della legge n. 300 del 1970, con tutte le conseguenze che dalla violazione di tale norma possano derivare al datore di lavoro, sia in termini di sanzione penale (ai sensi del combinato disposto degli artt. 114 e 171 del d. lgs. n. 196 del 2003, nonché dell’art. 38 della legge n. 300 del 1970) che in termini di consumazione di una condotta antisindacale (ai sensi dell’art. 28 della legge n. 300 del 1970).  Si realizza in tal modo un equo bilanciamento tra contrapposte esigenze di tutela giuridica di altrettanti valori rilevanti per il nostro ordinamento (la dignità del lavoratore e la integrità del patrimonio aziendale, latamente inteso).  A ragionare diversamente, si giungerebbe all’inaccettabile paradosso giuridico di rilasciare in via preventiva un pericoloso salvacondotto alle purtroppo non rare manifestazioni di infedeltà dei dipendenti garantendo una sostanziale impunità a condotte penalmente rilevanti, oltre che odiose sul piano sociale.

 

ROMA: AGENZIA MOBILITA', CHIUSA NELLE ORE SERALI STAZIONE MONTE ANTENNE CAUSA FURTO CAVI ELETTRICI I TECNICI SARANNO AL LAVORO PER ALCUNI GIORNI

ROMA: AGENZIA MOBILITA', CHIUSA NELLE ORE SERALI STAZIONE MONTE ANTENNE CAUSA FURTO CAVI ELETTRICI I TECNICI SARANNO AL LAVORO PER ALCUNI GIORNI Roma, 12 ago. - (Adnkronos) - Un furto di cavi elettrici e' avvenuto la notte scorsa nei pressi delle stazioni Campi Sportivi e Monte Antenne (Roma) dove sono stati asportati circa 300 metri di cavi che alimentano le vicine stazioni.

PIRATERIA: LA RUSSA, SCORTA ARMATA A BORDO DELLE NAVI MERCANTILI AL 'GIORNALE', SU RICHIESTA DI ARMATORI 5 DEL 'SAN MARCO' SU OGNI IMBARCAZIONE

PIRATERIA: LA RUSSA, SCORTA ARMATA A BORDO DELLE NAVI MERCANTILI AL 'GIORNALE', SU RICHIESTA DI ARMATORI 5 DEL 'SAN MARCO' SU OGNI IMBARCAZIONE Roma, 12 ago. (Adnkronos) - "La soluzione e' stata inserita nel decreto delle missioni all'estero: a richiesta degli armatori,

ROMA:COLOSSEO: GIRO, ACCORDI CON POLIZIA PRIVATA PER SICUREZZA MONUMENTO

COLOSSEO: GIRO, ACCORDI CON POLIZIA PRIVATA PER SICUREZZA MONUMENTO Roma, 9 ago. (Adnkronos) - "Stiamo lavorando per aumentare il numero delle telecamere e per dare piu' personale al Colosseo attraverso una deroga speciale al blocco del tournover che aggiunge su tutta la pubblica amministrazione".

BERGAMO:INCENDIO IN UNA PALAZZINA, CAGNOLINA ABBAIA E SALVA 20 FAMIGLIE

INCENDIO IN UNA PALAZZINA, CAGNOLINA ABBAIA E SALVA 20 FAMIGLIE (AGI) - Bergamo, 7 ago - Lei da sola ha salvato venti famiglie. Non e' un'eroina dei fumetti ma una cagnolina di razza Shitzu, che abbaiando ha salvato un intero condominio in cui era scoppiato un incendio.

ROMA:Ospedali in trincea, timori e rabbia - La corsia dei disperati, torna la polizia

Ospedali in trincea, timori e rabbia - La corsia dei disperati, torna la polizia

 

ROMA: RUBANO DA NEGOZI DI VIA DEL CORSO, ARRESTATI

ROMA: RUBANO DA NEGOZI DI VIA DEL CORSO, ARRESTATI Roma, 25 lug. - (Adnkronos) - I carabinieri della stazione Roma San Lorenzo in Lucina, hanno arrestato ieri due georgiani per aver rubato in due negozi di via del Corso, nel centro della Capitale.

VIDEO

i video del Savip.

FOTO

Le foto del Savip.

Sentenze Savip

sentenze del Savip

CCNL

Contratto nazionale.

Blog »

Il Blog del SAVIP