Fri10192018

Last update08:44:35 AM GMT

Back interventi Savip Gli interventi del Savip interventi del Sindacato NAPOLI:Morta la guardia giurata aggredita nella stazione della metro di Piscinola

NAPOLI:Morta la guardia giurata aggredita nella stazione della metro di Piscinola

Morta la guardia giurata aggredita nella stazione della metro di Piscinola

Franco Della Corte, 51 anni, era stato colpito a sprangate due settimane fa mentre era in servizio. Il Savip: "Continua la strage"

di TIZIANA COZZI

Non ce l'ha fatta Franco Della Corte la guardia colpita alla testa con una spranga di ferro il 3 marzo scorso mentre era in servizio all'ingresso della stazione della metro di Piscinola. L'uomo, 51 anni, venne copito mentre stava effettuando i controlli e

chiudendo un cancello, e fu ricoverato in gravissime condizioni: non si è mai risvegliato dal coma farmacologico ed è spirato alle 3,30 del mattino all'ospedale Cardarelli, dove era ricoverato.

Dolore e rabbia sono stati stati espressi dalla famiglia e dagli amici di Della Corte. Diverse le manifestazioni messe in atto anche dai suoi colleghi. Alcuni giorni fa a Marano, città della provincia di Napoli in Della Corte abitava, circa trecento persone hanno partecipato a una fiaccolata promossa dai familiari in segno di solidarietà nei confronti dell'uomo e contro la violenza.

“L’ amministrazione comunale è vicina con affetto alla moglie ed ai familiari di Francesco Della Corte, il vigilante della Security service, ai quali esprime profondo cordoglio per la tragica scomparsa. Auspichiamo che le indagini proseguano in modo serrato per far luce su questo episodio di inaccettabile e brutale violenza affinché vengano individuati al più presto i responsabili di questo efferato omicidio”

È il messaggio di cordoglio del sindaco de Magistris.

Il presidente dell'azienda di trasporti Eav , Umberto De Gregorio, chiede un incontro urgente sulla sicurezza nelle aziende di trasporto. La missiva è stata inviata al prefetto di Napoli, Carmela Pagano. Si tratta di un segnale di attenzione "per tranquillizzare i nostri lavoratori dimostrando che lo Stato è dalla nostra parte e che la guerra che stiamo combattendo contro il vandalismo e la microdelinquenza è una guerra che combattiamo tutti insieme, con le istituzioni e con i cittadini. In assenza di un segnale di riscontro tempo che il malessere non potrà che sfociare in azioni di protesta che genererebbero disagi ulteriori ai cittadini in un contesto già precario come quello del trasporto pubblico locale".

Interviene anche il Savip ( sindacato autonomo vigilanza privata) : "La delinquenza é ormai consapevole che le guardie giurate sono, per lo più, inermi bersagli per le loro armi - denuncia il segretario nazionale Vincenzo Del Vicario - Siamo certi che la magistratura porrà ogni attenzione per chiarire le circostanze nelle quali è morta una guardia giurata della Security Service Franco Della Corte aggredita all’esterno della stazione metro di Piscinola. Ma, la nostra esperienza sindacale, ci insegna che spesso le guardie sono mandate a compiere controlli isolati come sui cantieri, metropolitane e posti sperduti da soli, tutto questo a seguito del “far west” del decreto DM 269/10 del Ministero dell’Interno che ancora una volta non ha saputo delegiferare chiaramente che determinate tipologie in città come Napoli ad alto tasso di criminalità certi servizi devono essere svolte da due guardie giurate".

" Le nostre denunce, fino ad oggi, sono rimaste lettere morte e le Prefetture, unitamente alle Questure, raramente si sono interessate delle reali condizioni di lavoro delle guardie giurate- aggiunge Del Vicario - Ci auguriamo, allora, che la Procura di Napoli lo faccia oggi unitamente agli uffici ispettivi e verificano in quale condizioni lavorano i nostri colleghi. Per conto nostro continueremo a combattere per evitare che le guardie giurate siano mandate allo sbaraglio. Il Savip a nome di tutti gli associati, si unisce al dolore dei famigliari del collega barbaramente ucciso da gente senza scrupolo".

La morte di Francesco Della Corte colpisce tutti i lavoratori, siano essi dipendenti delle aziende di trasporto che dell’indotto, il dolore della famiglia Della Corte è anche nostro, perché ognuno di noi, seppure solo per cinque minuti, ha condiviso una parte della vita di tutti gli altri.

Il Sindacato OR.S.A., appena dopo la brutale aggressione a Francesco aveva auspicato che le istituzioni lavorassero con la massima celerità ed efficienza per scoprire gli autori e le motivazioni di un siffatto violento agguato, adesso però è necessario un ulteriore cambio di passo, sia per quanto riguarda la repressione

di questi fenomeni sempre più violenti e soprattutto per ciò che concerne la prevenzione di essi.

L’escalation di questi ultimi giorni dovrebbe suggerire a Prefettura, Questura, Comando dei Carabinieri, oltre a tutti i Sindaci che non si può più continuare a sottovalutare ciò che accade contro i lavoratori delle aziende di trasporto e che tutte le istituzioni devono fare la propria parte.

Fonte La Repubblica Napoli 13.03.2018 >>>

VIDEO

i video del Savip.

FOTO

Le foto del Savip.

Sentenze Savip

sentenze del Savip

CCNL

Contratto nazionale.

Blog »

Il Blog del SAVIP