Fri02232018

Last update06:43:42 PM GMT

Back Aereoporti Notizie dagli aeroporti Aeroporto Catullo di Verona VERONA:Sprechi e assunzioni, lo scandalo decolla

VERONA:Sprechi e assunzioni, lo scandalo decolla

Sprechi e assunzioni, lo scandalo decolla >>>

AEROPORTI. Politici che si spartiscono i posti, contributi a compagnie aeree per voli vuoti, lottizzazione degli assunti, investimenti impossibili: ecco il sistema Catullo.

La trasmissione «Gli Intoccabili» su La7 (Guarda il video) rilancia l'incredibile situazione dello scalo di Montichiari. «Un colabrodo». Le difficoltà di bilancio esaminate in un recente cda 03/02/201 Verona. Gli sprechi del Catullo e di Montichiari, denunciati da mesi, sono finiti di nuovo, dopo «Striscia la notizia», sulle reti televisive nazionali. La preoccupante situazione di bilancio del Catullo per l'inutilizzo di Montichiari sono stati al centro infatti della trasmissione «Gli Intoccabili» (il video) di Luigi Nuzzi su La7 e dalle interviste ad alcuni amministratori ed ex amministratori è emerso un quadro sconfortante: esperti che spiegano le assunzioni fatte con il bilancino, partiti che si spartiscono i posti, ex presidenti che scaricano le colpe sui politici, amministratori con il vitalizio e via di questo passo. Tutto questo mentre i bilanci vanno in rosso per il quarto anno consecutivo con un deficit 2011 che sfiora i 20 milioni di euro, a dispetto dei trionfalistici aumenti di passeggeri, aumenti che non fanno altro che aggravare i conti visti i costi elevatissimi dei contratti con le compagnie low cost. PERDITE. Ma da dove nasce questa situazione così difficile per un aeroporto che fino a pochi anni fa macinava utili e crescita e che ora invece si ritrova in forte perdita e con un livello di passeggeri (3,4 milioni) inferiore a quello del 2007 (3,5 milioni)? Nasce da lontano, da ritardi nelle strategie aeroportuali e di traffico, da difficoltà nel prevedere i cambi di scenario e gli investimenti necessari, di progetti giganteschi e faraonici. Quando nel 2008 i vertici del Catullo andarono a presentare il piano di sviluppo in Provincia il «Grande aeroporto» (vedi L'Arena del 23 ottobre 2008), le previsioni erano improntate al gigantismo: tra il 2009 e il 2010 si prevedeva di superare quota 4 milioni di passeggeri; addirittura 5 milioni nel 2014 cioè tra due anni; e quindi era giusto chiedere di acquisire aree (ex Calzoni per esempio), di realizzare parcheggi multipiano, nuovi terminal, investire decine e decine di milioni di euro per ampliarsi. Che ci fossero esigenze di ammodernare la pista e le infrastrutture è fuori discussione, ma veniva prospettato sulla carta un disegno «gigantista» che autorizzava acquisti, espropri, lavori, ben sapendo però già allora che sarebbe stato molto difficile portarli avanti. Perché le prime difficoltà finanziarie erano già emerse. Per esempio nel 2007 il debito verso lo Stato per addizionali comunali Irpef ammontava a 6 milioni ed è continuato a peggiorare per impossibilità di pagare fino a raggiungere i 16 milioni di oggi. In un recente consiglio di amministrazione della Catullo spa è stata ripercorsa la cronistoria della situazione. E se fino al 2007 le perdite di Montichiari che erano attorno ai 7-8 milioni di euro l'anno erano pareggiate dall'utile del Catullo, dal 2007 il mercato si è modificato con l'ingresso dei low cost, con la necessità di incentivare le compagnie, si è scatenata la concorrenza. NON CI SONO RICAVI. Se in questi anni si è migliorata la parte infrastrutturale tecnica, in particolare la pista (era una necessità per continuare a operare), da un lato si è abbandonato Montichiari al suo destino (solo qualche cargo notturno) con perdite giornaliere di 20 mila euro, dall'altro si è deciso di puntare su una strategia molto costosa per uno scalo poco strutturato come il Catullo: investire in parcheggi a pagamento e centri commerciali per avere ricavi dal non aviation. Cioè l'indotto dei passeggeri. Solo che i ricavi commerciali non riescono a crescere perché gli spazi non ci sono e gli investimenti nemmeno. Tutto quanto previsto nel piano industriale, dal people mover agli immobili, è da rivedere perché gli investimenti non sono sostenibili. In queste condizioni, i proventi dal non avio difficilmente potranno crescere e anzi rimarranno ai livelli attuali. E i margini con le compagnie aeree sono destinati a ridursi ancora. PERSONALE. Altro capitolo a parte è il personale. Molto numeroso perché, come detto anche nella trasmissione a La7 dall'ex consigliere Franco Pennacchia, il Catullo diventa un luogo dove sistemare gli amici degli amici. Uno stipendificio. Ci sono testimonianze di pacchi di curriculum vitae portati brevi manu per selezionare questa o quella persona segnalata da qualche politico, mettendo sotto pressione gli uffici addetti alle selezioni e alle risorse umane del Catullo. Del resto anche in un recente consiglio di amministrazione è stato sottolineato che l'utilizzo del personale è particolarmente inefficace, che i contratti con i vettori sono stati organizzati male in termini di picchi orari e c'è una cattiva distribuzione dei voli con ripercussioni scadenti sul risultato economico dello scalo. FIDI E RIENTRI. Ma i problemi che pesano sul bilancio non sono solo questi. Dal 2008 al 2010, mentre si progettavano opere e acquisti di aree chiedendo milioni ai soci, le perdite fiscali sono state di 5,5 milioni di euro e sono state stanziate imposte anticipate per oltre 7 milioni di euro che sono da stralciare perché non è ipotizzabile che si realizzino utili tali da poter fruire di questo beneficio. Sono stati però predisposti progetti che comunque hanno un costo e dovranno essere retribuiti, con un esborso di circa due milioni di euro. Ma il dato più preoccupante è il conto alla rovescia: il 31 marzo non solo scade l'ultimatum a Brescia per investire nella nuova società ma soprattutto scade il finanziamento bancario di 41 milioni di euro con il Banco Popolare. Che chiede il rientro. E l'esposizione bancaria in totale, è di 45 milioni.

Maurizio Battista Fonte L'Arena 03 febbraio 2012

 

Bortolazzi e Pennacchia, ecco le frasi choc >>>

La trasmissione de La7 «Gli intoccabili» sulla gestione degli aeroporti Catullo e Montichiari ha definito il D'Annunzio «un colabrodo» per le casse pubbliche di Verona, Brescia, Trento. L'ex presidente Fabio Bortolazzi porta un attacco frontale ai partiti. Intervistato, se la prende con gli amministratori «nominati dalla politica e che alla politica rispondono nel senso deteriore del termine». Attacca i consiglieri Bontempi (Brescia) e Conta (Verona) che nei cda «c'erano e non c'erano. Non può questa essere una società dove vai a titolo onorifico, ci devono essere persone che studiano le carte, non che si presentano lì senza neanche aver letto di cosa si discute». E perché è così? «Perché», sostiene Bortolazzi, «nelle segreterie dei partiti c'è un elenco degli incarichi e delle posizioni in cui i politici possono piazzare i loro uomini negli enti e negli accordi che fanno tra loro, si spartiscono i posti in base al valore della società, al volume di affari, ai compensi che i loro uomini possono ricevere. Li valorizzano». Bortolazzi affonda: «Giocano come con le figurine: mi dai Sivori, te ne dò un altro. E spartiscono tutto, dal presidente al consigliere di amministrazione fino all'operaio, si spartiscono anche i posti. Se ci sono tre partiti e devi assumere una persona, alla fine devi assumerne tre». Bortolazzi lo sa bene: è stato presidente per tre anni con questo sistema. Se lui è stato esplicito, l'ex consigliere di amministrazione Franco Pennacchia, consigliere comunale a Villafranca, è stato brutale dimostrando nella intervista a La7 di conoscere molto bene i meccanismi delle assunzioni e relative spartizioni. «Se la Provincia ha il 23% del Catullo e Villafranca il 4%, insieme facciamo il 27%. Nino, io voglio il 27% delle assunzioni. Ma perché i miei giovani la devono prendere nel c....? Abbiamo l'aeroporto sul nostro territorio, mi vuoi dare qualcosa come Comune visto che ci prendiamo tutte le negatività? Ti spacco il c... finché non me lo fai. Una Una mano lava l'altra e tutte e due lavano la faccia. Quelli di Villafranca devono avere un occhio di riguardo, lo pretendo». Ma nonostante i bilanci non fossero rosei, la gestione aeroportuale continuava non solo nelle assunzioni ma anche nell'aumento dei compensi. Per il cda di Montichiari dal 2009 al 2010 si è passati da 86 mila a 96 mila euro, negli ultimi 4 anni l'aumento è stato del 70%. Forse per i brillanti risultati raggiunti: spariti tutti i voli giornalieri. «Sono state fatte spese allucinanti», dice Bortolazzi, «per dare contributi a compagnie aeree che portassero lì i voli e partivano con aerei vuoti». Nel caso di Ryanair, è stato offerto da lui un incentivo più alto per portare la compagnia low cost a Verona. E a Brescia i cargo? Quasi mai visti, ma secondo il vicepresidente Angeli, i cargo a Brescia poi porterebbero per ricaduta anche i passeggeri. Mah.M.B.

 

Schinaia: «Sul Catullo apro un'inchiesta» >>>

AEROPORTI. Il Procuratore interviene dopo le dichiarazioni dell'ex presidente Bortolazzi e dell'ex consigliere Pennacchia su spartizioni e lottizzazioni dei partiti. Il magistrato: «Indagini su assunzioni facili, bilanci allegri e gestione deficitaria. Amareggiano certi show in televisione»

Verona. Troppo gravi e pesanti quelle affermazioni pronunciate nella trasmissione «Gli intoccabili» di Luigi Nuzzi su La 7 di due giorni fa. Troppi riferimenti a irregolarità anche penali, commesse nella gestione dello scalo del Catullo. E il procuratore Mario Giulio Schinaia annuncia: «Aprirò un'inchiesta». Si alza una nuova bufera giudiziaria sull'aeroporto di Verona dopo l'indagine già avviata dallo stesso procuratore sul mancato Via, la Valutazione d'impatto ambientale dell'aeroporto di Verona. D'altro canto, il consigliere del Cda Franco Pennacchia e l'ex presidente Franco Bortolazzi sono stati più chiari che mai nell'intervista concessa alla trasmissione de La 7. A confermarlo è lo stesso Schinaia: «Nelle dichiarazioni dei due amministratori», dice, «si parla di assunzioni illegali, bilanci allegri e gestione deficitaria. Non manca certo il materiale per aprire un'inchiesta e per parlare di reati». Le prossime mosse della procura sono chiare: «Faremo accertamenti per far luce su quelle dichiarazioni che parlano di spartizione politica di posti nel consiglio d'amministrazione e anche nelle assunzioni». Il procuratore non nasconde un certo disappunto, però, sulle interviste di Bortolazzi e Pennacchia: «Se erano a conoscenza di determinati fatti, integranti possibili reati, dovevano presentarsi in procura invece di rilasciare dichiarazioni in tivù». Schinaia esprime così tutta «la sua amarezza per certi show televisivi». Con ogni probabilità, i due amministratori saranno presto sentiti in procura come persone informate sui fatti. Dalle loro indicazioni, poi, partiranno gli accertamenti e si faranno verifiche sull'amministrazione della società di gestione del Catullo. Il procuratore non si sbilancia, invece, sull'altra inchiesta aperta nell'ottobre scorso dalla procura per l'assenza della Via, la Valutazione d'impatto ambientale sullo scalo. Il fascicolo è ancora aperto anche se fin da subito Schinaia aveva evidenziato le difficoltà di formulare accuse precise con una legislazione come quella ambientale non sempre molto chiara.

Giampaolo Chavan Fonte L'Arena del 04 febbraio 2012

VIDEO

i video del Savip.

FOTO

Le foto del Savip.

Sentenze Savip

sentenze del Savip

CCNL

Contratto nazionale.

Blog »

Il Blog del SAVIP