Thu05242018

Last update04:31:08 PM GMT

Back Aereoporti Notizie dagli aeroporti Aeroporto Catullo di Verona VERONA:«Parentopoli», bufera pure sul Catullo Interrogazione in Regione su Conta

VERONA:«Parentopoli», bufera pure sul Catullo Interrogazione in Regione su Conta

«Parentopoli», bufera pure sul Catullo Interrogazione in Regione su Conta >>>

Paternoster e Sardos Albertini replicano a Bonfante: «In Amia assunzioni in regola». L’ex assessore: mia figlia è stata presa per i suoi meriti non perchè siedo nel cda

 

«Parentopoli leghista a Verona» Il Pd snocciola assunzioni e ruoli

VERONA — La polemica sulle assunzioni negli enti veronesi dilaga. E si allarga. Dopo le accuse lanciate dal Pd, ecco adesso arrivare quelle dell’Udc. E se i democratici se la sono presa soprattutto con l’Amia e con il mondo leghista, Stefano Valdegamberi prende di mira l’aeroporto Catullo ed il pidiellino Giancarlo Conta. Valdegamberi ha infatti presentato un’interrogazione al presidente della Regione, Luca Zaia, per sapere se tra gli assunti all’aeroporto Catullo figurano «familiari diretti ed amici del rappresentante della Regione nel cda dello scalo ». Valdegamberi non fa nomi, ma l’obiettivo è chiaramente il leader pidiellino veronese Giancarlo Conta. «Credo - scrive il leader dell’Udc - che il governatore, così sensibile alla questione morale, abbia il dovere di verificare se queste notizie sono vere. Confidiamo che siano solo bufale ma, se fossero vere, si tratterebbe di un episodio grave, anche nei confronti dei lavoratori precari dello scalo in attesa di stabilizzazione. Chiedo inoltre di accertare se questi comportamenti sono comuni anche ad altri componenti del cda. Risulterebbe, infatti, che un altro consigliere abbia trasformato il suo ufficio in un centro per l’impiego virtuale, dove si decidono promozioni e assunzioni di fedelissimi o amici degli amici». A stretto giro di posta, la secca replica di Giancarlo Conta. «Mia figlia - spiega - ha un contratto semestrale con la Catullo Spa, ottenuto dopo un normale colloquio con un’agenzia esterna; non è quindi stata assunta, nonostante, a mio parere, ne abbia tutti i titoli, forse più di molti altri: si è laureata 3 anni fa in economia del marketing, con una tesi sugli aeroporti italiani e in particolare sul Catullo, tesi che ha ottenuto 110 e lode e inviata a tutti gli scali del nord Italia. Cosa deve fare una persona con queste qualifiche? Rinunciare a tutto perché suo padre fa politica? Ultimo punto - conclude Conta - forse non secondario: la Regione Veneto e Luca Zaia non c’entrano proprio nulla: io siedo nel cda in rappresentanza del Comune di Verona. E questo, almeno questo, il signor Valdegamberi dovrebbe saperlo. Una strumentalizzazione del genere, senza informarsi sulla realtà delle cose, è vergognosa. Ma del resto la superficialità e la scarsa professionalità di Valdegamberi si sono notate anche nei suoi anni da assessore in Regione». Intanto fioccano anche le smentite alle accuse lanciate dal Pd verso l’Amia. L’ex presidente Paolo Paternoster spiega che «tutte le assunzioni fatte dal 2008 hanno rigorosamente rispettato leggi e regolamenti, senza eccezione alcuna ». Paternoster sottolinea che «è vero che la sorella di Gualtiero Mazzi lavora alla Serit: ma ci lavora da anni, e la sua assunzione, quindi, è stata fatta probabilmente proprio da amministratori di centrosinistra ». A questo proposito, Paternoster snocciola alcuni dati: «Durante l’amministrazione Zanotto, all’Amia erano state assunte 119 persone a tempo indeterminato: durante la nostra gestione ne sono arrivate 56. Le assunzioni a tempo determinato, nella precedente gestione erano state 170, mentre con noi sono scese a 140, anche se il "porta a porta" richiede una marea di persone in più. Quanto alla Serit, il centrosinistra aveva assunto 141 dipendenti, noi 17. Dati precisi, - conclude Paternoster - che mi pare parlino di una gestione oculata ed attenta ». Giampaolo Sardos Albertini annuncia querele e spiega di non avere alcun nipote assunto in Amia: «Gli unici nipoti che ho - precisa - sono tutti in Toscana».

Lillo Aldegheri

Fonte Corriere del Veneto 20 maggio 2011

VIDEO

i video del Savip.

FOTO

Le foto del Savip.

Sentenze Savip

sentenze del Savip

CCNL

Contratto nazionale.

Blog »

Il Blog del SAVIP